ilcarrettinodelleidee

Switch to desktop

La Cucchiara e le altre: storia di donne di Sicilia In evidenza

Vota questo articolo
(5 Voti)

Da alcuni  mesi  sono in compagnia  della “Cucchiara”,  da quando Giovanna Crivelli me l’ha presentata. Dico “sono in compagnia” perché il romanzo della scrittrice siculo-tedesca Ada Zapperi  Zucker assorbe  e fa entrare nella storia di donna Ciccia, detta la Cucchiara, così profondamente da renderla familiare e amica al lettore e soprattutto alla lettrice. Tra dieci giorni, l’opera riceverà a Massa  un nuovo riconoscimento che conferma il suo valore e la sua forza narrativa.

La Cucchiara  è un personaggio storico,  ostessa catanese, antenata di  Ada Zapperi Zucker che ne racconta la storia in un romanzo articolato in racconti che  intrecciano   fili di storie ordinarie  e insieme straordinarie.

“La Cucchiara: una famiglia siciliana” cresce come una saga avvincente che risucchia chi legge  nel turbine di vite ripescate dal vuoto dell’invisibilità e raccontate da una singolare prospettiva multipla. In certi momenti l’autrice s’immerge nella storia  delle sue antenate e creature  -Ciccia, Sara, Elena, Agata, Antonietta, Anna- prende  le  distanze dal loro mondo di brutale sottocultura  patriarcale e, da narratrice onnisciente, riflette e parla con i suoi lettori   dell’arroganza del sotto-pensiero sessista che accompagna  le vite di donne e uomini, chiudendoli in gabbie   di convenzioni e consuetudini  accettate   anche a costo di sofferenza. In  altri momenti del suo racconto,  Ada Zapperi Zucker entra in quel mondo da una prospettiva verghiana  e dà parola ad una comunità atavica, segnata da convenzioni dolorosamente discriminanti, subite con rassegnazione. I motti di sapienza ed insipienza antica costellano scelte, movimenti di vita, destini: così  l’autrice svela  dinnanzi  a noi l’abisso da cui veniamo e di cui ci scopriamo, anche noi,  vittime inconsapevoli. È proprio qui , una delle ragioni di forza dell’opera: parla di noi, pur portandoci altrove.

“La Cucchiara” ha familiarità con Toponomastica femminile, non solo perché attraversa le strade della città di Catania, maschile anche nella toponomastica,  non solo perché  di donna Ciccia resta ricordo nella toponomastica orale non cartografata, ma anche per un più forte punto d’incontro: il romanzo  di Ada ZapperiZucker come le battaglie di Toponomastica femminile,  ha al centro il silenzio   delle donne e sulle donne.

Dal silenzio ora riemerge  donna Ciccia, figura potentee diversa,  figura dominante, eppure a rischio di oblio se la scrittura di Ada ed una targa toponomastica non l’avessero salvata.

La sottocultura patriarcale, con i suoi pregiudizi, stereotipi, modelli primitivi,  è il terreno insidioso (perché produce infelicità) e necessario (perché su quello bisogna camminare) su cui si muovono la Cucchiara e le  donne e gli uomini della sua casa.

Poche regole, non scritte, ferree: le donne non hanno parola, obbediscono sempre, sanno di essere nate per piacere e compiacere un uomo e che  al piacere di quell’uomo tutto è dovuto.

Ada racconta una società piramidale, gerarchica, nella quale le donne stanno al gradino più basso, al gradino che sta sotto anche  quello degli  uomini afflitti da qualche minorità.

Cosa cambia in quasi un secolo, nella Catania di donna Ciccia, dal tempo della Cucchiara a quello delle sue nipoti? Poco. Ma crescono l’insofferenza delle donne, il loro tentativo\desiderio di fuga, nel quale si  sperimenta la sorellanza, purché invisibile anch’essa.

Né l’appartenere ad una condizione più agiata, l’essere portatrici di dote, l’avere studiato l’italiano e saper parlare,  salvano la Cucchiara e le altre. Anzi le espongono  a rischi e ad  attacchi più subdoli.  Vittime di uomini  a caccia di patrimoni. Sottoposte  a più rigidi controlli e cerimoniali. Più soggette alla regola dell’obbedienza alle convenzioni sociali.

Ma Ada Zapperi non ferma il suo sguardo al mondo femminile, racconta anzi un mondo poliedrico, abitato da uomini e donne. Ed è qui un altro motivo di forza della sua opera:    donne e   uomini pensano da uomini  e nutrono insieme, da vittime o da aguzzini, il mostro della sottocultura patriarcaleche  divora e stritoladonne e uomini.

Complici del sacrificio delle figlie, i padri obbediscono, come le madri, e non certo con una prospettiva di più grande felicità personale, alle stesse leggi spietate e naturalissime che i padri hanno tramandato e di cui si ritengono naturali “tutori”, “perché sempre così è stato”

Francesco P. sacrifica ad un matrimonio infelice la figlia Antonietta, la più amata delle sue figlie edei suoi figli , quella che aveva accudito i fratelli e la madre malata, “conquistandosi anche il rispetto di Puddu e Santu. “Il che non era poco, considerando il fatto che apparteneva alla sottocategoria delle femmine”.

Il principe-padre la costringe a sposarsi per salvare “l’onore” della famiglia”.”Dichiarò che senza quel matrimonio non avrebbe più potuto  andare per strada per strada come prima. La vergogna , il rossore gli sguardi ironici di chi lo conosceva lo avrebbero ucciso” .

Agata, la seconda figlia, sottratta alla potestà del padre e sottoposta a quella dei fratelli, capì che “per uscire dalla campana di vetro dove l’avevano relegata i fratelli, doveva correre il rischio di cadere nelle reti di un imbroglione…aveva intuito che anche lui era un disperato chiuso in una gabbia, una gabbia diversa dalla sua”. E così s’incaponisce a sposare, contro tutti (tranne la Cucchiara), quel”moscardino” e diseredato di Nino, lei bella come una “cassata”.

Puddu e Santina sono diversi ”aguzzini” di Agata. Anna, madre di Nino, s’accanisce contro di lei  perché “vestito vecchio, smesso, buttato, ecco cos’era una donna con un passato disonorevole”

La Cucchiara, per far pervenire un pacco di spaghetti, deve eludere il controllo di Vincenzo,  che la controlla e lascia in eredità a d Agata 10 appartamenti: ma quella figlia sua non la rivide più.

Don Michelangelo Fichera, padre di Sara, accoglie, infine, la figlia data in sposa, ”per riparare”, a Peppino P. , di 20 anni più anziano.

In questo mondo-gabbia la Cucchiara è comunque una diversa. Bella e incalzante la serie di battute che donna Ciccia scambia con don Ciccio, allora suo corteggiatore:   Lei: ”Cu libera voli stari, nun si stassi a ‘ncatinari”; lui: “casa senza omu, casa senza nomu”; lei: “di uomini ne ho avuti due e credo che abbiano dato un nome onorato a questa casa…se non fosse bastato il mio da solo” . in questa conclusione, che suggella l’incontro,  la Cucchiara è straordinariamente diversa: sta nella cultura patriarcale  ma le tiene testa, come può.

Consentirà a don Ciccio di entrare nella sua vita e di “smontare, pezzo pezzo, quel letto con cui annullava tutto quanto aveva contato fino a quel momento per sé , come cosa inservibile, da buttare via: la sua identità di donna indipendente”.  Avrebbe detto anni dopo: “Mi sono messa la corda al collo, me ne accorsi appena andò via”.

Eppure, unica e diversa, la Cucchiara lascia eredità, anche di nome. Come gli uomini. Ci sarà la Cucchiaredda, Agata: una femmina che donna Ciccia   salva da un destino di miseria economica e morale  con mezzi silenziosi e clandestini che lei sola sa concepire.

In questo mondo di infelicità tessute insieme, in modo inconsapevolmente complice, da uomini e donne, dunque, la Cucchiara svetta. E svettando, lascia un segno forte di sé. La conferma mi viene dalle parole di  Mara, un’ alunna sensibile e attenta.

Alla fine della lettura del romanzo in classe,  Mara - che mi ha appena raccontato di un fidanzato geloso che la insegue e annichilisce e alla quale consiglio di interrompere la relazione e di dedicarsi a se stessa-  risponde mesta e consapevole: “La Cucchiara avrebbe detto di non mettermi il cappio da sola!”. È il segno, lieve e decisivo, che Ada Zapperi Zucker ha costruito un grande personaggio, del quale e con il quale continueremo a parlare.

                                                                                                                                             Pina Arena

Commenti  

 
0 #1 ada zapperi zcker 2015-08-25 17:41
Sono molto grata per questo bellissimo articolo dove si nota la forte personalità e la preparazione umana e culturale di chi scrive. Certo, la donna siciliana è e resta un capitolo aperto, come del resto la storia di tutte le donne, in tutto il mondo. Penso sia dovere di ognuna di noi dare un segno, mettere un nuovo anello alla catena di pregiudizi e restrizioni che per secoli hanno tenuto le donne in una sorta di limbo senza speranza di redenzione. La civiltà ha perso fino a questo momento la metà delle sue possibilità di progresso e di sviluppo: mettiamoci al lavoro e proseguiamo ció che la Cucchiara ha iniziato cento anni fa! So che abbiamo già cominciato... Grazie Pina Arena.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna