ilcarrettinodelleidee

Switch to desktop

Lea Melandri a Barcellona Pozzo di Gotto In evidenza

  • LEA MELANDRI saggista, scrittrice, storica del femminismo, presidente della Libera Università delle Donne di Milano mercoledì 21 giugno 2017 ore 17:00-20:00 Parco Urbano “Maggiore La Rosa” – Barcellona Pozzo di Gotto (ME)
Vota questo articolo
(2 Voti)

La Rete Nazionale Antiviolenza “Frida Kahlo Onlus”, con il patrocinio gratuito della Provincia e della Città Metropolitana di Messina, del Comune di Barcellona Pozzo di Gotto,  del Presidio “Non Una Di Meno - Barcellona Pozzo di Gotto” e dell’Ordine professionale degli Assistenti Sociali delle Regione Sicilia, organizza un incontro pubblico con LEA MELANDRI il prossimo mercoledì 21 giugno, a partire dalle 17:00, nel Parco Urbano  “Maggiore La Rosa” di Barcellona Pozzo di Gotto.

 Lea Melandri, saggista, scrittrice e storica del femminismo, mela oltre che presidente della Libera Università delle Donne di Milano, discuterà sul tema “Amore e violenza”.

 Nel comune sentire amore e violenza tendono idealmente a polarizzarsi: che cosa  avrebbero da spartire lo slancio ardente verso l’oggetto del proprio desiderio e la brutale lacerazione dell’altro, la tenerezza e l’odio rabbioso, la passione vivificante e il gesto mortifero? In realtà il sentimento amoroso e l’atto violento si compenetrano da sempre, a partire dallo strappo che separa il maschio dal corpo di donna che lo ha generato. E sono intrecciati al punto da serrarsi in un nodo inestricabile che costituisce – sia per gli individui  sia per i gruppi umani – il “fattore molesto” della civiltà. Con l’acutezza di sguardo di chi sa mettere a nudo le ambivalenze e le contraddizioni del rapporto di potere tra i sessi, Lea Melandri esplorerà la violenza reale e simbolica annidata all’interno delle relazioni più intime come la sessualità e la maternità. È su quel corpo con cui è stato tutt’uno, e con cui torna a fondersi nell’amplesso, che l’uomo si accanisce. Ma questa fuga estrema dal femminile che si perpetua, atavica, in ogni mano maschile levata sulle donne, conosce un’ultima contorsione, su cui Melandri inviterà a riflettere: l’attuale spazio pubblico femminilizzato sembrerebbe stemperare la “guerra tra i sessi”, mentre è soltanto una nuova forma di dominio, a conferma ancora una volta dell’asservimento che ha ridotto le donne a vita biologica, virtù domestiche, prestazioni ancillari.

 Per Frida Onlus, impegnata quotidianamente nella prevenzione e nel contrasto alla violenza di genere, oltre che organizzatrice dell’evento, incontrarsi e parlare di violenza di genere vuol dire anche promuovere la costruzione di una cultura alternativa a quella eterodiretta e intrisa di stereotipi. Per tale ragione, questo incontro è pensato come un’occasione per riflettere tutt* insieme e coinvolgerà molte realtà locali.

  Infatti, dopo i saluti istituzionali, Associazioni e Centri Antiviolenza della provincia di Messina presenteranno la loro realtà e il loro operato quotidiano sul territorio anche attraverso banchetti informativi, mostre fotografiche e spazi lettura. Hanno aderito all’iniziativa: Chayn Italia, Cambiamo Messina dal Basso – Gruppo Pari Opportunità, CeDAV Centro Donne Antiviolenza di Messina, Arci Cohiba di Barcellona Pozzo di Gotto, FIDAPA sezione di Barcellona Pozzo di Gotto, Associazione Astrea Amici delle Donne di Milazzo, Associazione ed Edizioni Smasher, CIRS Onlus Comitato Italiano Reinserimento Sociale di Messina, Arci Senza Confini di Furnari, Associazione Prisma di Barcellona Pozzo di Gotto, Associazione Kiwanis Rometta – Antonello da Messina, Ilcarrettinodelleidee.com – Testata giornalistica settimanale e la Libreria Gutenberg di Barcellona Pozzo di Gotto.  

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna